E’ passato poco più di un mese dal ritorno del nostro viaggio. Dopo aver visitato Meteora e Salonicco, il viaggio lungo la via Egnatia ha avuto come meta finale la città di Istanbul. Ci siamo rimasti più di una settimana, abbiamo camminato per più di venti chilometri al giorno, e abbiamo avuto il tempo di osservarla bene, frequentando i quartieri più popolari. Dopo il rientro, c’è voluto più di un mese per costruire un parere, un’opinione riguardo la mastodontica città di Istanbul. Il tempo trascorso, però, non è ancora bastato per capirla, e per comprendere davvero quello che abbiamo provato: un mix di sensazioni incredibili, dall’entusiasmo e la meraviglia, all’angoscia e alla tristezza, come ogni megalopoli che si rispetti. Ma procediamo per ordine. Parliamo prima della bellezza, e dell’incanto di questa città, che è stata sia capitale dell’Impero Romano d’Oriente, e di quello Ottomano, per lunghi secoli.

Istanbul

Istanbul

Istanbul

Tutti i nostri amici, che l’hanno visitata più di qualche anno fa, ce ne hanno parlato stregati, descrivendola come una città unica e affascinante. In effetti, è proprio così, se si rimane nei bei quartieri di Sultanahmet e dintorni, dove l’architettura delle chiese, dei palazzi e delle moschee ha raggiunto vette altissime, oppure se si frequenta l’europeo quartiere di Beyoglu, con i suoi negozi e laboratori di giovani designer, architetti e artigiani. Soprattutto nel quartiere di Sultanahmet si possono visitare monumenti incredibili, costruiti prima dai grandi imperatori dell’antico impero bizantino, l’impero romano d’oriente, e poi dai sultani del regno ottomano. Sono palazzi, moschee, chiese, monumenti così grandi che dentro si possono fare lunghe, lunghissime passeggiate. Quindi, riassumendo, una volta giunti in questa zona centrale della città, i luoghi, dove per forza, a nostro avviso, bisogna mettere piede, sono:

  • Prima di tutto, e prima di ogni altra cosa, non perdetevi una camminata nell’incredibile Cisterna Basilica, la più grande cisterna di epoca bizantina ancora esistente a Istanbul. Questa struttura sotterranea è stata fatta costruire da Giustiniano nel 532, e il suo interno è scandito dalla presenza di 336 colonne, ognuna con capitelli pregevoli. In antichità essa conteneva 80.000 metri cubi d’acqua, destinati tutti al Grande Palazzo, ora invece è rimasta pochissima acqua, e si può camminare dentro grazie ad alcune passarelle di legno rialzate. Chiudete gli occhi, e godetevi una delle atmosfere più incredibili della città.

Istanbul

Istanbul

  • Palazzo Topkapi a Sultanahmet, è assolutamente da non perdere, se si vuole comprendere il lusso sfrenato, gli agi, la lussuria, in cui vivevano i sultani dell’impero ottomano. Questo complesso enorme (ci vuole un intero giorno per visitarlo bene!) è stato costruito nel 1453 da Mehmet il Conquistatore, e abitato sino al XIX secolo dai successivi sultani. All’interno non perdetevi la visita dell’Harem e del Tesoro Imperiale, dove troverete uno dei diamanti più grandi del mondo, ma soprattutto dirigetevi da questa sala all’adiacente terrazza panoramica: qui ammirerete una delle viste più belle sul Bosforo!

Istanbul

Istanbul

Istanbul

Istanbul

  • Il ponte di Galata, in zona Eminonu, attraversato a piedi prima del tramonto, vi regalerà una delle viste panoramiche più belle sulla città vecchia e sul quartiere di Sultanahamet. Magari aspettate che arrivi la luna alle spalle di una moschea, mentre assaggiate il famoso panino con il pesce.

Istanbul

Istanbul

Istanbul

Istanbul

Istanbul

  • Ovviamente le incredibili costruzioni di Santa Sofia e la Moschea Blu, che si erigono l’una di fronte all’altra, immense e indescrivibili, nel cuore di Sultanahmet. L’unica nota stonata sono i migliaia di turisti, che durante tutto il periodo dell’anno affollano rumorosamente questi due monumenti memorabili. Sedetevi in una delle tante panchine a Sultanahmet Park e guardatevi a destra e sinistra: ve le ritroverete lì, una per ogni lato, e voi al centro a godervi una delle viste più spettacolari della città!

Istanbul

Istanbul

Istanbul

Istanbul

  • Volete pace, silenzio, e bellezza proprio nel bel mezzo dell’immenso caos che regna sovrano a Sultanahmet? Dirigetevi al Gran Palazzo di Bisanzio, e camminate in questo antichissimo complesso, poco frequentato dal turismo di massa. Ammirate gli incredibili mosaici, che un tempo ornavano il Palazzo Imperiale, voluto da Costantino il Grande, intorno al 325 d. C.

Istanbul

Istanbul

Istanbul

Istanbul

Altre due cose belle e importanti da segnalare sono: l’efficienza dei mezzi di trasporto pubblici (da fare invidia!), e la Museum Pass Istanbul, una tessera sconto, valida per 72 ore dal primo utilizzo, che vi permetterà di visitare i più importanti monumenti senza fare file e code presso gli ingressi di musei e palazzi.

Ma se si va oltre, ci si addentra nei quartieri più occidentali, o nei quartieri sopra piazza Taksim, può essere che qualcosa pervada il vostro stato d’animo, e vi afferri per non lasciarvi più. Ci si rende conto che qualcosa non va. Si cammina e si vedono bambini soli, sporchi, con vestiti strappati, fare l’elemosina ad ogni angolo. Si cammina e si notano migliaia di profughi siriani arrivati in città, senza possedere nulla, mentre magari dormono per strada di notte. Si cammina e in giro si osservano troppe donne, che indossano non il foulard in testa, ma proprio il burqa, e che sorridono poco. Si cammina nelle moschee e si trova ancora una zona recintata, dove vengono chiuse le donne che vogliono pregare, mentre solo ai loro uomini viene concesso di avvicinarsi al pulpito. Si cammina e si incrociano ragazzi riuniti in cerchio, cantare “Bella Ciao” in turco, in piazza Taksim, dove il maggio scorso la polizia in tenuta antisommossa ha sparato gas lacrimogeni su centinaia di manifestanti, pacificamente riuniti per il primo anniversario delle proteste di Gezi Park. Si cammina fuori dalla città vecchia, e si nota troppo, eccessivo, sovrabbondante cemento, e pochissimo verde pubblico.

Insomma, è una metropoli incredibile, che nell’antichità è stata per secoli capitale dell’ impero romano d’Oriente, e che per le bellezze che custodisce, può essere paragonata solo a Roma nel mondo. Ma adesso, si avverte che qualcosa non va, e che a mille di chilometri di distanza, c’è una guerra alle porte, dove migliaia di curdi siriani stanno perdendo la vita, per combattere un movimento, una forza oscura, dal nome Isis.

Istanbul

Istanbul

Istanbul

Istanbul

Istanbul

Ph: Mattia Epifani

Related Posts

Il mio viaggio in Marocco si è concluso più di un mese fa, ed è per questo che ora mi sarà più...

A distanza quasi di un anno, mi rimetto in cammino. L’anno scorso a maggio mi preparavo a vivere...

Testo mostra “Bitume Photofest: Effimero e Materia” Biblioteca Convitto Palmieri, 01 Marzo – 31...

Leave a Reply

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.